Il tesoro del san giacomo

IL TESORO DELL’OSPEDALE SAN GIACOMO.
Roma, eredi Salviati: “Su San Giacomo vincolo anche nell’ultimo atto di vendita”

E’ quanto ha dichiarato Oliva Salviati, erede del cardinale Antonio Maria, fondatore, alla fine del XVI secolo, dell’ospedale romano, durante una conferenza stampa che si è svolta oggi presso la stampa estera. ultimo aggiornamento: 04 febbraio, ore 18:20

Roma, 4 feb. – (Adnkronos) – ”Il presidente della Regione Lazio non puo’ trasformare il San Giacomo in un rifugio per anziani. Secondo quanto risulta dall’atto notarile di vendita di 42 immobili, tra cui lo storico nosocomio, alla società San.Im spa, società di proprietà della Regione, nell’atto c’e’ una clausola precisa che vincola la destinazione d’uso del San Giacomo. Deve quindi rimanere ospedale a disposizione di tutti i cittadini, secondo il volere del mio antenato, il cardinale Antonio Maria Salviati, esplicitamente espresso nel suo testamento”. E’ quanto ha dichiarato Oliva Salviati, erede del cardinale Antonio Maria, fondatore, alla fine del XVI secolo, dell’ospedale romano, durante una conferenza stampa che si e’ svolta oggi presso la stampa estera alla quale hanno partecipato tra gli altri Emanuele Conte, professore di Storia del Diritto Medievale e Moderno a Roma Tre e Furio Colombo senatore del Pd.

”La mia e’ una battaglia per tutti i cittadini, non c’e’ nulla di personale in questa estrema difesa dell’ospedale – ha aggiunto la nobildonna di origine toscana che lo scorso novembre con la sua famiglia ha presentato ricorso al Tar contro la chiusura dell’Ospedale – Quello che sta accadendo a Roma e’ significativo di una situazione al collasso, prevedibile purtroppo. Il presidente della Regione Lazio Marrazzo ha parlato ad un gruppo di studenti dell’Istituto Tasso di linee guida da sottoporre al sindaco di Roma, Gianni Alemanno. Ma non esistono, sino ad oggi, progetti concreti. Si e’ parlato di ‘troppi posti letto’ negli ospedali romani – ha aggiunto – Ma allora perche’ si sequestrano le barelle nelle autoambulenze?. Numeri sbagliati e operazioni assurde, che non hanno precedenti”. Secondo la Salviati ”il debito e’ un’invenzione. La Regione Lazio e’ ricchissima di lasciti e donazioni di privati che si sono accumulati nei secoli”.

”Bastava semplicemente amministrarli, portarli in dote, come accadeva nel XVI secolo con il cardinale Antonio Maria Salviati, per gestire gli ospedali – ha ricordato – La Regione Lazio ha 18 mila ettari di terreni a disposizione, di cui 7mila solo a Roma, ma anche appartamenti, locali, stabili nel cuore della capitale. Recentemente 940 immobili – ha continuato la Salviati – sono stati venduti ad un decimo del loro prezzo di mercato. Quindi svenduti. Si tratta di un patrimonio ereditato nei secoli, ma che appartiene a tutti i cittadini. Occorrerebbe, da parte della Regione, piu’ trasparenza. Perche’ non mettere su internet le operazioni di compravendita? Il patrimonio – ha proseguito – deve essere assolutamente rintracciabile da tutti i cittadini”.

Leave a Reply