Dice Marrazzo

….DICE MARRAZZO….

CHIUSO DA MARRAZZO E DAL GOVERNO LO STORICO NOSOCOMIO SAN GIACOMO, INTERAMENTE RISTRUTTURATO E TOTALMENTE EQUIPAGGIATO CON LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE, CON LAVORI FINITI NEL LUGLIO 2008.
LA CHIUSURA AVVENIVA AD OTTOBRE, IN TOTALE ASSENZA DI UN PIANO REGIONALE PER LA SANITA E PER RIENTRARE NELLE
a�?disponibilita della regione per la sua valorizzazionea�?.

Solo la presentazione di storici vincoli da��uso delle strutture ad uso ospedaliero ha fatto si che ci fosse una corsa ai ripari da parte della Regione. Non una corsa a cercare di rendere una struttura utile alla comunitA�, ma a salvare la��apparenza di una operazione nata per tutta��altri fini, che ben vengono indicati dalle dichiarazioni di membri del consiglio regionale stesso quando affermano: Il governatore ha chiuso un ospedale appena ristrutturato. Ma non sa cosa farsene, visto che non A? piA? possibile vendere la��immobile.

Ecco le esternazioni di Marrazzo sul San Giacomo da settembre 2008 a oggi:

3 settembre: A�Dal primo di novembre, al posto della��ospedale, ci sarA� un presidio sanitarioA�. A�La Asl Rm A presidierA� la zona grazie a ottimi medici e bravi infermieriA�.

4 settembre: a�� nota della Regione: A�In merito alla futura destinazione del San Giacomo A�la questione A? di esclusiva competenza del comune di Roma e del I Municipio. Nelle competenze della Regione rientra esclusivamente la scelta di inserire il complesso edilizio della��antico ospedale tra i beni disponibili, quelli cioA? che A? possibile vendereA�.
Monta la protesta contro la chiusura e la paventata vendita.

17 settembre: A�Sono del tutto infondate le insinuazioni secondo cui la��immobile sarebbe giA� venduto e magari opzionato da noti costruttoriA�.

23 settembre: A�Con il governo non ca��A? alcuna ipotesi di vendita di strutture ospedaliere per il 2008 e, ribadisco, non ca��A? alcuna accelerazione nel progetto di venditaA�.
La protesta dilaga….
Passa un mese….

21 ottobre: il San Giacomo A�ospiterA� giovani e anziani per la socializzazione delle esperienze e per la��assistenzaA�.

SOCIALIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE????????

24 ottobre: A�Pensare di riconvertire una parte del San Giacomo in Rsa sarebbe un modo moderno di procedereA�.

5 novembre: A�Nella prossima settimana sarA� pronto un progetto della Regione, supervisionato dal governo, per una riconversione della��ospedaleA�.
…. Passano dieci giorni….

15 novembre: A�Sto lavorando con il governo per far sA� che la��ospedale San Giacomo riconvertito in luogo di assistenza socio-sanitaria riapra nel piA? breve tempo possibileA�.
….Passano quindici giorni e piA?….

3 dicembre: A�A metA� del mese presenteremo il progetto di riapertura della��ospedale del territorio del San Giacomo. Riapriremo il San Giacomo e sarA� un modello per tutta la��Italia come ospedale di territorioA�.
GIA’, PRIMA, INVECE, ERA SOLO UN OSPEDALE!!!!!!!!

15 dicembre: A�Entro natale prima bozza di riconversioneA�.

22 dicembre: A�Il progetto per la riconversione del San Giacomo sarA� pronto per i primi giorni di gennaioA�.

30 dicembre: tra le prioritA� del 2009, A�la��ex ospedale San Giacomo diventi simbolo della nuova sanitA� nel LazioA�.
Dichiarazione del Portavoce del Presidente Marrazzo, Nicola Zamperini: dal 1A� novembre partirA� al posto del vecchio nosocomio un moderno poliambulatorio con servizio dialisi e punto di primo soccorso.
GIAa��……NEL FRATTEMPO HANNO SPESO 5 MILIONI DI EURO PER APRIRE UN POLIAMBULATORIO TOTALMENTE INUTILE NELLO STUDIO DI ANTONIO CANOVAa��a��a��. EVVIVA LA TUTELA PER LA NOSTRA STORIA ED EREDITA CULTURALE!!!!
UN EMINENTE PRIMARIO DEL SAN GIACOMO SOLO PER AVER SCRITTO A MARRAZZO ESPONENDOGLI I RISCHI ED I PROBLEMI IN CUI VERSAVANO I PAZIENTI NEFROLOGICI HA AVUTO UN PROVVEDIMENTO DISCIPLINARE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

“Il futuro della sanita’ e’ questo – spiega Marrazzo – e gia’ nelle prossime ore avremo l’inaugurazione di alcuni ospedali di territorio come il S.Caterina e il S.Giacomo”. Sanita’ di territorio e progetti di riconversione “devono pero’ essere implementati con dei punti di elisoccorso ?????????????????

Nelle a�?prossime orea�?, ma questi erano discorsi di settimane fa. Il governatore non sa cosa fare delle strutture esistenti e progetta superfici per elisoccorsi vicino ad ospedali chiusi, che si vorrebbe fare credere di poter sostituire con poliambulatori costruiti a suon di milioni e che forniscono prestazioni a dir poco ridicole, degne di una casetta del pronto soccorso di un asilo nido: Le prestazioni erogate dalla��ambulatorio di continuitA� sono dirette a tutti coloro che hanno bisogno di assistenza medica urgente non differibile, come ad esempio nei casi di: ferita superficiale, piccoli traumi, febbre, tonsilliti e faringiti persistenti, dolori articolari non traumatici, otalgie, congiuntiviti, dispepsia, dermatiti, abrasioni cutanee, odontalgie.

Conclusione: MARRAZZO PAGATO DAL GOVERNO 300 000 EURO ALLa�� ANNO PER RISANARE IL DEBITO DELLA SANITA LAZIALE. PAGATO PER CHIUDERE OSPEDALI CHE FUNZIONANO E SU CUI E STATO SPESO DENARO PUBBLICO PER RISTRUTTURAZIONI INTEGRALI NEL 2008
RISULTATO: IL DEBITO DELLA SANITA LAZIALE AD OGGI
PRIMO MARZO 2009 E’ AUMENTATO…..

Leave a Reply